lunedì, Giugno 14, 2021
Il Parco Paranoico

Ascension, Nox Novacula

Mik Brigante Sanseverino Maggio 24, 2021 Dischi Nessun commento su Ascension, Nox Novacula

“Ascension” è il viaggio in un mondo lunare, nel quale il tempo si è arreso e un eterno crepuscolo accompagna i nostri passi attraverso gli otto brani che compongono l’album.  Canzoni dotate di un sorprendente potere cinematografico e visionario, capaci di evocare, dinanzi ai nostri occhi inquieti, tanto splendidi e misteriosi giardini pensili, quanto ombre gelide e bramose di riempire il loro smisurato ed affamato vuoto con quelle che sono le nostre emozioni, i nostri sogni, le nostre passioni. Intanto la band americana mescola le sonorità post-punk crude e ossessive di “Against The Wall” e della title-track con le trame più acide ed introspettive di “Last Will”, “Drug” e dell’onirica e riflessiva “Shattered World”.

Quelle che erano le nostre esperienze, le nostre vecchie e obsolete prospettive vengono scomposte, risucchiate dai bassi profondi e pulsanti ed offerte al fuoco nero della rinascita, a quel “daimon” misterioso e oscuro che dimora nelle nostre coscienze e che rappresenta il ponte tra la carne e l’anima, tra il reale e l’immaginario, tra il cuore e la ragione, tra tutto ciò che definiamo umano e ciò che, invece, consideriamo di natura divina. I Nox Novacula danno voce a questo spirito interiore – a quella che altri chiamano la voce della nostra coscienza – e ci permettono di avere un altro punto di vista sul mondo. Un punto di vista che è intriso di romanticismo, di atmosfere goth-rock, di angeli caduti, di quadri e scene che non sono state ancora dipinte, ma che potrebbero diventare vive in un film di Tim Burton o di Robert Rodriguez.

Ma non è sempre semplice e gratuito conquistare queste nuove angolazioni; non è semplice orientarsi tra ciò che è bene e ciò che è male; non è semplice separare le azioni e le scelte giuste da quelle meschine e scellerate. La Terra, infatti, è colma di dispensatori di odio, di violenza, di menzogne e di facili ricchezze, creature che bramano nutrirsi della nostra stessa sofferenza e del nostro dolore, di vicende di morte, disperazione ed abbandono, di vite drammaticamente spezzate, di tutti quei tristi e lugubri riverberi che vengono immortalati nella accattivante e delittuosa “Last Will And Testament”, punto focale del disco, nel quale il tempo implode, gli ardori post-punk si perdono in un labirinto death-rock e il ricordo dei suoi capelli rossi accompagnerà le nostre notti insonni.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali la raccolta virtuale, condivisa e liberamente accessibile "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.