mercoledì, Dicembre 7, 2022
Il Parco Paranoico

Fire Doesn’t Grow On Trees, The Brian Jonestown Massacre

Non aver paura delle proprie idee, anche se il mondo del terzo millennio – purtroppo – è ancora pieno di regimi e sistemi che si basano sui manganelli, sui proiettili, su tutori della legge che premono il proprio ginocchio sul collo di un uomo inerme e indifeso, solo perché ha la pelle di un altro colore. Questa è la strada sul quale si incammina l’ultimo album di The Brian Jonestown Massacre, un album che facendo leva sulle sue sonorità rock primordiali, di matrice blues, country e psichedelica, vuole spronare ciascuno di noi a seguire la voce della propria coscienza, il cui fuoco continua ad ardere nelle profondità di questa civiltà che usa la tecnologia e il progresso scientifico per nascondere i propri tratti dispotici e anti-democratici.

“Fire Doesn’t Grow On Trees”, appunto, il fuoco non cresce sugli alberi, ma è dentro di noi e la musica, con i suoi fuzz, le sue distorsioni, l’intreccio onirico di tastiere e chitarre, la policromia ritmica di basso e batteria, può contribuire a portarlo fuori e far sì che esso possa ridurre in cenere questo sistema nel quale un uomo muore perché gli impediscono di respirare, nel quale si tollerano – nel nome della libertà o della democrazia – guerre e violenze, nel quale vengono cancellati diritti costituzionali che esistevano da cinquant’anni, solo perché alcune persone pretendono di decidere per ciascuno di noi, imponendoci, con brutale prepotenza, la loro ristretta, paternalistica e reazionaria visione del bene, della giustizia, dell’amore, del lavoro, di Dio, della famiglia.

Questa è la bestia che dobbiamo combattere, un mostro che vuole manipolare e controllare le persone, costringendole ad accettare un’unica verità, nonché una visione grigia e malata dell’esistenza, costruita attorno a ciò che potremmo definire l’homo aeconomicus, un individuo i cui unici obiettivi sono la produzione, l’acquisto e il consumo; un essere imprigionato in una ragnatela di modelli di bellezza, di felicità, di piacere, di appagamento che sono il frutto di algoritmi virtuali e disumani che cancellano ogni imperfezione, ogni critica, ogni debolezza, ogni dissenso.

L’approccio lisergico e turbolento di questo disco, invece, ci offre una prospettiva opposta, le sue imperfezioni lo rendono vivido e pulsante, le sue debolezze si trasformano in passione, mentre critiche e dissenso sono l’antidoto naturale ai veleni del neo-liberismo, alle nuove forme di sfruttamento e colonialismo, a quella lettura ipocrita della realtà che non ammette sfumature, ma pretende di stabilire, in base ai propri interessi di parte, il bene e il male, il bianco e il nero, il vero e il falso. The Brian Jonestown Massacre, attraverso le sue trame acide, intrise di space-rock ed elettricità, è la risposta pacifica all’odio, un invito sonoro a prendere le distanze da questo sistema che predica distacco e indifferenza, tentando di spegnere il fuoco che sussurra, da sempre, ai cuori ed alle menti. 

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.