domenica, Dicembre 4, 2022
Il Parco Paranoico

Acheron, King Buffalo

Mik Brigante Sanseverino Dicembre 4, 2021 Dischi Nessun commento su Acheron, King Buffalo

Il secondo volume di una trilogia che è iniziata, sempre in questo 2021, con il precedente “The Burden Of Restless”, prende le distanze dalle ansie e dalle frustrazioni materiali che ossessionavano quell’album e si lascia, definitivamente, alle spalle la caverna platonica nel quale è stato generato. Esso, però, è ancora pervaso dalla oscurità di quel grembo materno, proprio come i prigionieri protagonisti dell’antico mito del filosofo greco; nonostante i suoi sensi possano riabbracciare il luminoso splendore del Sole, la sua essenza più intima resta ancora in balia della dolente corrente del fiume Acheronte.

Da un lato, infatti, le ombre e gli spettri del recente fatale passato, con il loro pesante fardello di negatività, continuano a spingerci verso il fondo, isolandoci nel nostro silenzioso dolore; dall’altro lato, invece, le trame psichedeliche e spaziali del disco ci invitano ad alzare il capo, a lasciare che gli occhi del cuore e della mente – per troppo tempo confinati nel buio di una grotta – possano riabituarsi alla luce, in modo da intraprendere un fondamentale viaggio di consapevolezza e di conoscenza di quello che è il nostro mondo.

Un mondo che, spesso, non conosciamo affatto, accontentandoci delle verità distorte e delle vere e proprie bugie che vengono messe colpevolmente in giro, soprattutto tramite il web e tutti gli altri media, con l’intento di renderci più ciechi, più soli, più schivi e quindi più controllabili.

Il fiume infernale si trasforma, quindi, man, mano che ci lasciamo trasportare dai riverberi, dagli echi, dalle distorsioni, dai fuzz, dal groove e dalle vibrazioni ipnotiche dell’album, in un flusso emozionale capace di risvegliare la nostra razionalità sopita, di riaffermare il nostro senso critico e soprattutto di riuscire a porci delle domande che ci spronano a muoverci, a cercare, a chiedere, a riflettere, ad avvicinarci agli altri, tentando di carpire quelle conoscenze e quelle risposte che per i prigionieri, da sempre chiusi in un’oscura caverna, erano un pericolo ed una minaccia: i fantasmi di tutto ciò che avevano sempre ignorato e rifiutato.

I King Buffalo evocano, con le loro cosmiche e catartiche divagazioni sonore, un Caronte completamente nuovo e diverso da quello che conosciamo: non si tratta più di un essere spregevole, violento e brutale, inviato per incutere paura e per condurre le anime verso un oblio di eterno sconforto e dannazione, bensì abbiamo dinanzi un “daimon”, un tramite tra la dimensione reale e quella spirituale, traghettatore verso una ritrovata fiducia nella luminosa fonte della verità.  

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.