mercoledì, Settembre 28, 2022
Il Parco Paranoico

Veti e Culti, Le Pietre Dei Giganti

Mik Brigante Sanseverino Marzo 4, 2022 Dischi Nessun commento su Veti e Culti, Le Pietre Dei Giganti

Nel nostro inconscio vivono, in egual misura, luci ed ombre; sono le rappresentazioni estreme di quello che potremmo essere, dalla cui contrapposizione emerge ciò che siamo, quello che ci piace e quello che, invece, fingiamo di non vedere. E in questo minuscolo, ma precario e faticoso equilibrio, spesso instabile, viviamo le nostre esistenze, nella consapevolezza che c’è una creatura di puro istinto che si agita dentro di noi; una forza selvaggia che, a volte, implica dolore e sofferenza, altre volte, invece, è scintilla preziosa di trasformazione, di evoluzione, ma anche di accettazione di sé.

Ci sono momenti nei quali, infatti, le risposte non risiedono nel grembo morbido e benevolo della luce, bensì in quello torbido e tagliente dell’ombra, laddove figure aliene ed estranianti, culti oscuri, percezioni primordiali, scie di ricordi cruenti, frammenti di follia, paure inconfessate e veti diabolici stimolano e spingono la nostra fantasia a varcare la soglia della cruda realtà e vagare nella dimensione onirica della narrazioni, dei luoghi e delle percezioni di un ipotetico domani, laddove nessuno può proibire, nessuno può vincolare, nessuno può incatenare, nessuno può giudicare e soprattutto nessuno può controllare, né le proprie attitudini, né tanto meno quelle degli altri.

“Veti e Culti” è la ricerca della libertà più pura, ossessiva, impellente, brutale ed antica, attraverso un cammino di nove brani sospesi in un mondo di trame metalliche, stoner-rock e psichedeliche, dalle quali si sprigiona un racconto sonoro ammaliante e crepuscolare, avvolto nella cupa ed elettrizzante atmosfera di un ultimo fiammeggiante tramonto, ma proiettato verso una fulgida, immensa ed abbagliante alba elettronica, nel preciso istante in cui la fine e l’inizio coincidono, gli incubi possono assumere consistenza fisica e fare male o i diavoli oltremondani possono risucchiarti nel loro reame psichico e visionario e lasciarti vivere, a seconda delle tue esperienze e sensibilità, una rinnovata Apocalisse, una nuova Commedia, una improvvisa Odissea. Un viaggio ignoto attraverso il pianto e lo stridore di denti, attraverso un carnaio di anime e di persone che, sempre più spesso, purtroppo, notiamo appena, con glaciale indifferenza, perché siamo troppo presi a guardare solo a noi stessi, figli del tempo dell’ego che ha dimenticato la voce degli dei del Blues.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.