lunedì, Agosto 15, 2022
Il Parco Paranoico

Time Bend And Break The Bower, Sinead O Brien

Poesia sonora. Poesia visuale. Poesia fisica.

Sono i tre piani sui quali si muovono le liriche di Sinead O’Brien, mentre le trame musicali si intrecciano con una cruda, decadente e romantica malinconia del tempo e dello spazio, espressa, a sua volta, attraverso sonorità che spaziano dall’elettronica al post-punk, da un funk sporco e graffiante ed un cantautoriale distropico, viscerale e decisamente ossessivo. Il bisogno di relazionarsi con gli altri, infatti, si trasforma in una morbosa ossessione: essere al centro; essere ammirati; essere alla moda; essere perennemente impegnati; essere gli interpreti e i protagonisti principali di una narrazione virtuale – costruita ad uno e consumo dei social – nella quale la nostra vita appare perennemente ricca di attività, assolutamente appagante, perfettamente allineata con quelli che sono gli omologanti canoni di felicità, di soddisfazione e di piacere che sono stati imposti come unici modelli e riferimenti possibili. 

“End Of Days” è il fatidico istante finale, quello nel quale dovremo accettare le nostre lacune e, soprattutto, l’insoddisfazione che può ridurre a brandelli le nostre esistenze, impedendoci di renderci conto della bellezza che ci circonda, del respiro delle stagioni, delle possibilità e delle scelte che orbitano attorno ai nostri sentimenti e ai nostri pensieri, dello spazio e del tempo infinito nel quale può muoversi la nostra fantasia, generando, in continuazione, nuovi sogni, nuovi progetti e nuove passioni da inseguire e da condividere, in modo da comprendere, a pieno, noi stessi e il nostro rapporto col mondo esterno. 

La prosa, in alcuni momenti, quindi, può diventare volutamente oscura; le parole possono diventare torbide e moribonde, ma le chitarre e i synth forniscono le giuste e salvifiche melodie cui aggrapparsi per non sprofondare nel cupo terrore della fine. Ma nessuna fine è del tutto irreversibile, “Time Bend And Break The Bower”, infatti, è la crepa poetica che dobbiamo attraversare affinché il tempo ritorni ad essere dalla nostra parte e ritorni ad essere quello di una serata trascorsa all’aperto, quello di una puntina che scivola nei solchi di un vinile, quello delle pagine di un libro e non più quello che definisce e scandisce, tramite tablet, smartphone o altri marchingegni elettronici, le nostre giornate, obbligandoci ad essere solamente l’ennesima ombra tra le ombre.    

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.