domenica, Novembre 27, 2022
Il Parco Paranoico

A Foul Form, Osees

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 12, 2022 Dischi Nessun commento su A Foul Form, Osees

“A Foul Form” è l’incontro turbolento tra le atmosfere garage-rock e krautrock degli Thee Oh Sees e l’hardcore-punk degli anni Ottanta, quello più rude, più schizofrenico e più abrasivo, quello caro a gente come Iggy Pop, Henry Rollins o John Lydon, in perfetta sintonia con un decennio politicamente perverso nel quale il movimento punk usciva dai grandi radar mediatici e commerciali e sopravviveva nel sottosuolo, nelle case occupate, nelle periferie abbandonate, nei centri sociali, ai margini del sistema di produzione e di consumo, fornendo la sua visione oscura, anarcoide, cruda e rabbiosa del mondo moderno.

Una versione che gli Osees riportano alla luce, lasciando che la furia distorta dei loro feedback riprenda, nuovamente, il sopravvento e prendendo di mira l’avidità, l’egoismo e l’individualismo che contraddistinguono la nostra società, le istituzioni e tutti coloro che, approfittando del proprio ruolo, fanno i loro porci comodi, discriminando e abusando dei più deboli, dei più poveri, dei più fragili. “Perm Act” e “Frock Block” sono invettive velenose che si scagliano contro l’arrogante supponenza delle forze di polizia e contro le regole astruse e bigotte imposte, al loro gregge, dagli uomini di Dio. Possiamo essere noi stessi, è questo il messaggio, possiamo essere liberi, possiamo fare quello che ci rende felici e ci fa sentire completi ed appagati, senza che tutto questo significhi dover bruciare tra le fiamme dell’inferno. E se pure fosse?

Le parole sono taglienti, scivolano via una dopo l’altra, contribuendo ad innalzare il clima ostile, grintoso e irriverente del disco; un disco al quale la band desidera fornire un alone lo-fi, tentando di catturare, rivitalizzare e rendere attuale lo spirito indomito e non convenzionale del punk-hardcore che non apparteneva a nessun futuro, quello che passava da una cassetta all’altra, grazie a delle piccole etichette indipendenti, senza preoccuparsi dei gusti estetici e musicali delle masse, le quali erano sempre più isolate, narcotizzate e indottrinate a proprio esclusivo vantaggio dai padroni del sistema economico globale, desiderosi di imporre un unico stile di vita, un’unica cultura, un’unica verità, un unico modello sociale. Tutto ciò è ben sintetizzato dal brano iniziale, “Funeral Solution”, un brano che risuona come la soluzione finale che è stata pensata per tutti noi, una soluzione che si rinnova ogni singolo giorno, facendo sì che ogni giorno noi siamo costretti a rinunciare, per seguire quelli che sono effimeri traguardi materialistici, ad un sogno, ad una passione, ad un amico, ad un affetto caro, al nostro prezioso tempo e alla nostra impagabile libertà. Ci conviene davvero?

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.