mercoledì, Novembre 30, 2022
Il Parco Paranoico

roBOt Festival @ Bologna, 5-6-7-8/10/22

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 11, 2022 Eventi Nessun commento su roBOt Festival @ Bologna, 5-6-7-8/10/22

C’era un tempo nel quale i robot non avevano voce. Poi iniziarono a parlare, anzi no. Iniziarono a suonare ed adesso la loro musica si erge come una fondamentale barriera tra noi, fragili esseri umani, e le nostre folli e assurde manie di controllo e di auto-distruzione. La musica è il territorio sul quale macchine e uomini possono convivere, imparare ed influenzarsi a vicenda: le trame eteree di Caterina Barbieri vanno al di là di qualsiasi capacità di calcolo, di qualsiasi algoritmo, di qualsiasi sovrastruttura mentale, di qualsiasi logica. Nelle loro incoerenze e nelle loro inquietudini sonore c’è il seme della salvezza, il sentiero inesplorato che ci consente di non impazzire e di non guastarci.

Palazzo Re Enzo, lo spazio DumBO e il TPO definiscono la linea spazio-temporale sulla quale scorrono queste narrazioni elettroniche e digitali, con aperture continue alle ritmiche tribali e selvagge che richiamano la natura ancestrale dell’essere umano, mentre, nel frattempo, dinanzi ai nostri occhi increduli, scorrono visioni cosmiche, cromaticamente accattivanti, che proiettano il nostro io più psichedelico verso le profondità dello spazio e del futuro, in una continua ricerca di idee, di concetti, di stelle e di pianeti che ci consentiranno di essere migliori e di oltrepassare quei circoli viziosi che, oggi, ci rendono diffidenti, intimamente collegati con una realtà che vogliamo sia fatta di compartimenti stagni, di territori ben definiti, di nazioni, di idiomi, di usanze, di religioni, di abitudini, di economie che consideriamo diverse e contrasti.

Ma se, invece, esse non fossero altro che i diversi echi e i diversi riverberi della medesima musica?   

Ben Frost ne è assolutamente consapevole, le sue atmosfere ambient e sperimentali sono lo strumento col quale affermare la centralità del Creato, quella Terra che deve essere preservata ed amata, perché essa sarà sempre il punto d’inizio e la meta finale di qualsiasi Odissea cosmica. Anche in una remota e ipotetica dimensione post-umana, le nuove e meravigliose intelligenze dovranno sempre lottare ed impegnarsi per rifiutare il Male come utile, facile, conveniente o possibile compromesso.

Tutto ciò risuona in Miss Kittin And The Hacker, senza che vi sia il bisogno di ricorrere a leggi astratte o a formule matematiche, ma è sufficiente, per orientarsi, la luminosa traccia di queste suadenti atmosfere techno. Da un lato, infatti, vi è la verità ed essa è sempre un bene ed una risorsa preziosa, in qualsiasi epoca, in qualsiasi mondo; dall’altro lato, invece, vi è la menzogna, quella che vuol convincerci di una centralità che non può mai esistere. Nessuna creatura, sia essa umana o sintetica, può credere di essere depositaria di un incarico o di un compito superiore, può ergersi ad unica interprete della volontà divina, può ritenersi – in un assurdo delirio di onnipotenza che richiama alla mente le abominevoli mostruosità di matrice nazi-fascista del secolo scorso o le crudeli azioni compiute da Hal 9000 – al di sopra degli altri, stabilendo cosa è da considerare giusto e cosa, invece, è da considerare sbagliato. Il roBOt festival è una porta aperta sulla musica dei prossimi anni, ma anche un evento che ci invita a riflettere sul presente, spronandoci a viverlo al meglio, non sprecando le nostre energie più positive in azioni che fanno del male al pianeta, a noi stessi, ai nostri simili, agli altri esseri viventi.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.