mercoledì, Novembre 30, 2022
Il Parco Paranoico

Anguille, Comaneci

Mik Brigante Sanseverino Ottobre 27, 2022 Dischi 1 commento su Anguille, Comaneci

Amiamo l’infinito, è questo il messaggio che ci ha lasciato Charles Baudelaire, i suoi “I Paradisi Artificiali” erano, infatti, la testimonianza del nostro bisogno ad abbracciare orizzonti più ampi e sconosciuti, ad indagare tanto sul mondo esterno, quanto su quello che vive nella nostra intimità, rifiutando – perché venefici e mortali – tutti i diversi surrogati che, nel tempo, ci ha proposto una società che rimane borghese e materialista.

La necessità di indagare l’enigma, di comprendere com’è fatto il buio, di sapersi adeguare a nuovi orizzonti umani e musicali, riverbera anche nel disco dei Comaneci. “Anguille” è un lavoro che, al di là di ogni filtro utilitarista e di ogni ristretta e bigotta visione della realtà, ci sprona a non essere poveri di immaginazione, a sfidare le trasformazioni, a cercare una bellezza che non venga mai più offuscata dai calcoli, dai luoghi comuni e dai pregiudizi. 

Tutto ciò rende questi undici brani delle preziose gemme intrise di rock sognante, riflessivo ed astrale, ma anche di sonorità indie-folk che, nella loro drammaticità e nella loro malinconia, ci aiutano a non smarrirci dinanzi alle immensità misteriose del cosmo e ai suoi riverberi di matrice trip-hop ed elettronica, così da non dimenticare mai ciò che siamo, la nostra natura umana, e soprattutto quelle che sono le nostre origini, l’eco primordiale di melodie fluide e sensuali che vivono, da sempre, in ciascuno di noi.

L’elemento acquatico, con la sua limpidezza e la sua profondità, contraddistingue tutto l’album, dalle atmosfere più sperimentali di “Hidden Place” fino a quelle sfumate e meditative di “Jaws”, permettendo alla nostra coscienza, spesso messa a tacere dai frenetici e caotici ritmi quotidiani, di far, finalmente, sentire la propria voce. Voce che è nostra, ma che, allo stesso tempo, è uno slancio sociale e collettivo; uno slancio capace di vincere qualsiasi forza di gravità esercitata dai media, dai social o dalle nuove tecnologie e spingerci verso il mondo poetico e multiforme di “The Tongue”, consapevoli di aver sottratto parte della verità alle cupe e corpose nebbie dell’ignoranza ed essere così più consapevoli, più felici, più appagati.

Abbiamo reso il nostro corpo più leggero, abbiamo sfidato le colonne d’Ercole e abbiamo intuito quell’incantesimo che rende speciali anche gli oggetti più banali, solamente, però, se riusciamo a rivestirli della luce vera e osservali, di conseguenza, in un contesto cha va al di là del dare e dell’avere, del successo e del potere, del vincere e del perdere, dell’io e degli altri. “Una rosa è una rosa e solo una rosa”, come scrisse Gertrude Stein, ma può anche essere un mondo completamente nuovo se ne sapremo cogliere l’essenza che ci sprona a cercare, in noi e nel mare che abbiamo dentro, questo straordinario disco.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

1 Comment