domenica, Novembre 27, 2022
Il Parco Paranoico

Comfortably Numb (2022), Roger Waters

Mik Brigante Sanseverino Novembre 21, 2022 Video Nessun commento su Comfortably Numb (2022), Roger Waters

Pink adesso è sveglio. Pink adesso è lucido. Pink adesso è salvo.

Siamo noi, invece, ad essere affetti dal minaccioso sonno della ragione, quel pericoloso stato di esasperazione e di frustrazione emotiva nel quale tendiamo a deformare la verità ed aprire le porte delle nostre esistenze ad un sottomondo di terrori, di fobie, di violenze e di angosciose narrazioni di morte che, come avveniva nella celebre incisione di Francisco Goya, genera i peggiori mostri e le peggiori malattie che possono affliggere l’animo umano.

Il mostro dell’ignoranza, il mostro della menzogna, il mostro del potere e ovviamente il mostro della guerra, sono questi i veri nemici dell’umanità che, guidata da despoti, re, generali, dittatori o presidenti senza scrupoli – si chiamino Napoleone, Adolf Hitler, Benito Mussolini, Margaret Thatcher, Slobodan Milošević, George Bush Jr, Vladimir Putin o in qualsiasi altro modo – ripete, in ogni epoca, i medesimi drammatici e devastanti errori. La campagna napoleonica in terra di Spagna, quell’abominio assoluto chiamato Olocausto, le nefandezze etniche commesse nell’ex Jugoslavia dopo la caduta del Muro di Berlino, l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo e tutte le altre guerre che hanno sconvolto e stanno ancora sconvolgendo il mondo, indipendentemente dal tempo e dal luogo nel quale avvengono o sono avvenute, ci mostrano sempre lo stesso folle schema logico: una minoranza di persone crudeli e paranoiche, persone che, purtroppo, detengono il potere politico e gran parte delle ricchezze, esercitano la loro pressione e la loro influenza mediatica sulle masse soggiogate e depauperate di futuro, in modo da risvegliare in loro inesistenti paure e spingerle ad odiarsi e di conseguenza a combattersi, finendo risucchiate in una mortale spirale di ottusità, di egoismo, di insensibilità e di materialismo che fa pezzi ogni pensiero critico. 

E senza pensiero critico siamo e saremo, letteralmente, spacciati. Finiremo nella cupa dimensione che questa nuova versione di “Comfortably Numb” ci mette davanti agli occhi, il brano originale si fa sempre più oscuro, si abbassa come un cielo plumbeo sulle nostre piccole teste, finisce per perdersi nel canto suggestivo e dolente di Shanay Johnson, mentre creature private di un volto camminano senza sapere quale sia la loro meta; povere e dannate pecore, pecore che hanno, colpevolmente, rinunciato – per paura o convenienza –  ad ogni loro sogno e ad ogni loro passione ed adesso non possono che seguire l’ombra che un rabbioso ed aggressivo maiale volante getta su una terra dispotica e post-apocalittica nella quale il dolore ha preso il sopravvento definitivo e non c’è più nessuno da calmare, nessuno da accudire, nessuno da cercare là dentro, nessuna nave all’orizzonte, nessuna febbre infantile da ricordare, nessun manager preoccupato dell’imminente prossimo show, nessun dottore pronto ad infilarti il suo velenoso ago nelle vene.

Siamo tutti insensibili e resteremo così, per sempre, Pink può gridare ed agitarsi quanto vuole. Il mondo è vostro, il mondo è dei profeti del lockdown, dei costruttori di muri, dei finti eroi di plastica armati di synth e di autotune, delle poetesse e dei poeti da quatto soldi, delle chitarre servili e di una malsana bambagia sovra-nazionale di politici inutili, stupidi ed ignoranti, ma perfettamente allineati, come novelli e redivivi Schutz-Staffeln, nel seguire quell’ipocrita farsa che è il politicamente corretto da salotto democratico e progressista, un nome come un altro per mascherare quella che è sempre la stessa paranoica brama di potere, di controllo, di manipolazione, di ricchezza, di successo che conduce gli esseri umani a disprezzarsi, ad odiarsi, a combattersi ed infine ad ammazzarsi.

“Perché mi hai veduto, Tommaso, tu hai creduto: beati quelli che non hanno e hanno creduto!”

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.