giovedì, Aprile 25, 2024
Il Parco Paranoico

The Dark Side Of The Moon Redux, Roger Waters

Certo, fa effetto ascoltare un uomo, ormai anziano, recitare quei pochi, remoti versi e rammentare le sue imprese di gioventù, mentre il cuore di “Speak To Me” scandisce, con lenta e cupa consapevolezza, l’irreversibilità del nostro tempo e di tutte quelle occasioni e quelle opportunità che, a volte, ci lasciamo, stupidamente, sfuggire per assecondare scelte e decisioni che non sono affatto le nostre scelte e le nostre decisioni. E se queste imprese sono quelle di un uomo che è stato artefice della storia condivisa, umana e professionale, dei Pink Floyd, vale la pena – prima di azzardare qualsiasi giudizio – ascoltarle.

Un ultimo respiro, dunque? La fragile, fatale e umanamente tortuosa ammissione delle proprie debolezze materiali? Quella che un tempo fu una poesia e che, adesso, sbiadisce rapidamente, rischiando di essere divorata dalla banale ed invadente cacofonia mediatica dei tempi moderni? Il lato più piatto e più noioso delle nostre esistenze? I vaneggiamenti di un uomo eccessivo, ossessionato e consumato, alla fine, dai fantasmi con cui ha tentato di lottare per tutta una vita? L’illusoria profanazione di un monumento sonoro che resisterà a qualsiasi – per quanto profonda e dolosa – lesione dei nostri sogni e delle nostre emozioni? O la semplice, normale, scontata, amara ed inevitabile conclusione della narrazione e del viaggio?

Sì, è tutto vero, non potrebbe essere altrimenti.

Tutto vero, come lo sono gli accattivanti archi e le trame elaborate dei sintetizzatori, come l’unico profondo assolo di basso, come il dolore che causa la guerra – ogni fottuta, maledettissima guerra – o come la verbosità straripante di un lavoro che avrebbe meritato, molto probabilmente, di essere più scarno e leggero da questo punto di vista, senza cadere, continuamente, nei lugubri e spietati inferni che assillano e minacciano la vita di ciascuno di noi, soprattutto di coloro che non hanno la fortuna di nascere e di vivere in luoghi sicuri, ricchi e pacifici. Avrebbe suscitato più effetto, forse, citare un unico, spregevole inferno, l’inferno di “Money”, un inferno, assolutamente umano e terreno, che, da sempre, condiziona, manipola, ammazza, violenta, abbruttisce ed influisce, negativamente, sulle nostre scelte; sia sulle scelte dei leader politici, economici e religiosi, quanto sulle scelte delle persone comuni.

Un inferno al quale solo le creature aliene, le creature di fulgida, folle, generosa, splendente e barrettiana luminosità riescono a sfuggire.

Nessun confronto, dunque; più nessuna diatriba poetica, strumentale o musicale; più nessuno scontro tra uomini ed artisti che sono stati molto più della somma delle singole parti; più nessuna infamante accusa di faziosità, di intolleranza o di odio gratuito da parte di diffamatori insignificanti ed estranei alla trepidante vicenda umana di Pink e dei suoi muri di maniacale e drammatica incomunicabilità; più nessuna eclissi potrà trattenere, per sempre, la verità, la giustizia o la pace dal mondo degli uomini. Ma solo un’unica, romantica, preziosa ed inconfutabile certezza: “Dark Side Of The Moon”, una storia umana – intima e collettiva –  a nome Pink Floyd, primo giorno di Marzo del 1973.    

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.