sabato, Giugno 25, 2022
Il Parco Paranoico

La Profondità Degli Abissi, Manuel Agnelli [video]

Manuel Agnelli, il giudice di X-Factor. Manuel Agnelli, il frontman degli Afterhours. Ed ora Manuel Agnelli e basta, un artista che, al di là delle simpatie e delle antipatie che suscita, in qualsiasi caso, un personaggio televisivo, dimostra, con la pubblicazione dei due brani che accompagnano l’uscita del film “Diabolik” dei Manetti Bros, di non essersi completamente smarrito nei meandri più sciocchi, effimeri e mistificanti di quel labirinto massificante che è il talent show di Sky.

Soprattutto quello che è il primo singolo, “La Profondità Degli Abissi”, è in perfetta continuità e sintonia con l’ultimo album della band milanese; la cruda drammaticità di “Folfiri E Folfox” si insinua nella necessità di mostrare quanto possa essere traumatico rendersi conto delle nostre debolezze e fragilità umane – sia fisiche, che mentali – rendendo torbide, ma accattivanti, le armonie di questo brano. Le ascoltiamo, le facciamo nostre e lasciamo che esse ci portino ad un passo dall’abisso, ad un passo da qualcosa di cui dobbiamo, per forza di cose, prendere consapevolezza, se non vogliamo rimanere intrappolati, per sempre, nei nostri alibi, nelle nostre bugie, in questa prigione – quale potrebbe essere il nostro comodo salotto, un moderno studio televisivo o un’esistenza asettica e monotona – nella quale fingiamo di avere degli interessi e di seguire qualcosa – Dio, il potere, il sesso, la ricchezza o l’amore – che, comunque, non potrà salvarci, se non lo vorremo, per primi, noi stessi.

L’altro singolo, “Pam Pum Pam”, è più vicino, invece, alla narrazione cinematografica e quindi alle sue atmosfere oscure e romantiche; è un brano dolce e nostalgico, quasi come fosse una vecchia fotografia, magari in bianco e nero, che ci capita, improvvisamente, tra le mani, suscitando in noi antiche emozioni, mentre Manuel Agnelli riapre porte che erano chiuse da tempo. Ma è qualcosa che abbiamo vissuto davvero o si tratta solamente di un sogno?

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.