giovedì, Gennaio 27, 2022
Il Parco Paranoico

I Was Badger Than This, Del Norte

Mik Brigante Sanseverino Dicembre 7, 2021 Dischi Nessun commento su I Was Badger Than This, Del Norte

In tanti ci siamo smarriti, pensavamo di vivere una rivoluzione, pensavamo – ingenuamente – di essere noi stessi la rivoluzione, ma, in realtà, il nuovo millennio ci avrebbe presentato il conto, portandoci via le nostre migliori energie, la determinazione, il coraggio e soprattutto il tempo, lasciandoci in balia delle nostre recriminazioni, delle nostre solitudini, dei nostri compromessi e di questo amaro romanticismo che affonda i suoi artigli negli anni Novanta, nelle acque melmose del Wishkah, seguendo un muro di cemento e filo spinato lungo 160 km, tra i graffiti che restano impressi nei nostri ricordi, mentre questi dieci brani si fanno spazio tra le ombre di ieri e quelle di domani, lanciandosi in una cavalcata elettrica intrisa di nostalgia, chitarre e sonorità noise ed indie rock.

Ma, in fondo, noi non ci pieghiamo, abbiamo il nostro rifugio, proprio sotto il palco, laddove il passato diventa presente ed il dolore si tramuta in una spinta emotiva che ci porta a stringerci l’uno accanto all’altro, mescolando pensieri e promesse, sguardi e passioni, insofferenza e sudore, a dispetto di questo nemico invisibile che ci vuole tenere distanziati, isolati, ciascuno chiuso nel proprio micro-universo, con gli occhi fissi su uno schermo luminoso e il cervello in apnea, sospeso in una dimensione virtuale che vende a tutti gli stessi angosciosi problemi e le stesse finte soluzioni.

I Del Norte, con le loro ritmiche sferzanti, rompono la monotonia di questi schemi ricorrenti, mettono a soqquadro questi processi mentali fondati sul timore, sullo sconforto e sulla diffidenza, spronandoci a vedere cosa avviene ai margini, sotto i ponti, lungo i bordi, negli angoli nascosti delle nostre esistenze periferiche, laddove il rumore che ci portiamo quotidianamente dentro esplode con tutta la sua accattivante, spigolosa e rabbiosa dolcezza, travolgendo questa realtà che è solamente un mucchio di stronzate, di luoghi comuni e di apparenze, perché, poi, sotto sotto, non ce ne frega niente del politicamente corretto, della pace e dell’amore, noi continuiamo ad odiarci, a farci la guerra ed ammazzarci.

“I Was Badger Than This” ci mostra, invece, un’altra direzione, più spontanea, più convulsa, più incerta, ma piena di incredibili sorprese, di storie del passato che cambiano nel momento stesso nel quale le leggi e le interpreti, trasformandosi in una strada che nessuno ha mai percorso, in un sapore che nessuno ha mai provato, in una musica che nessuno ha mai ascoltato. Almeno finora.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.