sabato, Maggio 21, 2022
Il Parco Paranoico

Stellar Frequencies Sessions, QOYA

Mik Brigante Sanseverino Gennaio 28, 2022 Eventi Nessun commento su Stellar Frequencies Sessions, QOYA

Siamo la nostra storia passata; siamo il prodotto delle esperienze che abbiamo vissuto e anche di quelle che abbiamo, semplicemente, ascoltato; siamo intrisi, fino alle ossa, dei luoghi che abbiamo amato. Queste diverse narrazioni umane, artistiche, spaziali e temporali ci segnano e ci modellano, determinando quella che sarà la visione che abbiamo di noi stessi, degli altri e del mondo che ci circonda.

Le sessioni live di “Stellar Frequencies” ricostruiscono e raccontano queste storie, permettendo loro di uscire dai meandri oscuri, fragili e silenziosi delle nostre coscienze ed aprirsi all’esterno, consentendoci, attraverso questa duplice esperienza acustica e visiva, di rivivere e ripercorrere eventi e vicende che non abbiamo vissuto in prima persona e di visitare e ammirare luoghi che, altrimenti, ci sarebbero del tutto estranei e sconosciuti.

I QOYA si muovono tra sonorità metalliche e spaziali di matrice doom e post-rock, immergendosi in quella dimensione crepuscolare e psichedelica che permette alla sfera della luce e a quella del buio di parlarsi e sfiorarsi, spronandoci a ritrovare e salvare dall’oblio quei volti, quei nomi, quei sentimenti e quelle percezioni che ci hanno permesso di crescere e di arrivare qui oggi. Non è facile toccare con mano e rinnovare il dolore, la delusione o il senso di vuoto ed abbandono connessi a una perdita, ma sono essi che ci permettano di acquistare forza e soprattutto di essere consapevoli del viaggio che stiamo compiendo. Un viaggio catartico che, alla fine, si perderà negli improvvisi e accattivanti bagliori di stampo shoegaze, carichi di feedback ed effetti, liberandoci dalle pressanti ossessioni del presente, dalle sue ambiguità, da quell’estenuante e omologante purgatorio nel quale siamo costretti a barattare il nostro tempo e le nostre migliori energie per un po’ di pace, di sicurezza, d’amore e di giustizia.

La band francese vive il nostro stesso gelido inverno, prova la stessa nausea, teme il medesimo distruttivo e alienante vuoto, ma tenta, sfogando le proprie paure nella sua musica, di riscostruire, attorno ad un nucleo seminale e minimale di trame e riverberi post-punk, una storia che sia meritevole d’essere vissuta, d’essere ammirata, d’essere ascoltata.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.