mercoledì, Settembre 28, 2022
Il Parco Paranoico

Controllo Sociale o Pigra Ignoranza?

Mik Brigante Sanseverino Marzo 5, 2022 Playlist Nessun commento su Controllo Sociale o Pigra Ignoranza?

Le piattaforme social ed il web, nel loro complesso, lasciano alla parola-contenuto sempre meno spazio, trasformandola in una mera parola-contenitore che deve essere semplice e diretta, connessa a elementi e rappresentazioni visuali appetibili e facilmente intercettabili dalle masse assuefatte di web-spettatori, senza alcuna pretesa concettuale, spirituale, filosofica e ancor meno ampliativa dal punto di vista della conoscenza dei fatti e delle diverse prospettive.

In tutto ciò la musica diviene una cornice effimera, il contorno momentaneo di un fotogramma che, a breve, scomparirà nel nulla, senza alcun effetto trascendentale sulla vita reale delle persone. In fondo agli utenti, quelli che un tempo sarebbero stati chiamati lettori o ascoltatori, non interessa comprendere i tempi che attraversano, sono più interessati ai “meme”, agli errori, alle cadute, a tutto ciò che è frontale, abominevole, volgare, bestiale, goliardico, eccessivo, mediaticamente ridicolo o violento, senza alcuna attenzione per le verità nascoste, per le emozioni più profonde, per le idee, a volte estremamente pericolose, che si celano dietro le narrazioni virtuali dalle quali ci sentiamo attratti e, senza rendercene conto, plasmati.

Controllo sociale.

Oggi è una definizione iper-abusata, un’ottima conclusione per qualsiasi articolo, si parli di musica, di mass-media o di politica, non importa. È uno slogan estremamente affascinante e quindi va bene utilizzarlo, anche se rimane lì, in sospeso nel vuoto, appena accennato, limitandosi ad invocare un risveglio collettivo delle coscienze e dello spirito critico delle persone che, sappiamo benissimo, non ci sarà mai. Assistiamo, infatti, quotidianamente, a disastri ambientali immani; abbiamo affrontato una pandemia; ora stiamo assistendo ad una guerra assurda; eppure non ci smuoviamo di un passo dal solco tracciato dalle medesime caste politico-economico-finanziarie che sono la causa principale e determinante dei problemi che esse stesse, in un secondo momento, tentano di risolvere, mettendo, spesso, solamente altra benzina sul fuoco.

Purtroppo, però, non abbiamo scampo, è questa la vera maledizione orwelliana del nostro presente, le persone sono, per lo più, impreparate, non approfondiscono e non si documentano, preferendo, di conseguenza, appiattirsi sulle teorie a buon mercato spacciate dai media di regime che si trasformano, magicamente, in indiscutibili certezze. È certamente una questione di coraggio, ma anche di impegno, anche di volontà; per molti, troppi, infatti, appare inutile o faticoso utilizzare il proprio tempo per leggere, per cercare, per studiare o per documentarsi, meglio attingere direttamente dal web o dalle TV, meglio affidarsi ai gruppi Whatsapp o Telegram, meglio essere dei fanatici, invasati dalla propria incrollabile fede nella patria, in Dio, nella NATO, nella Terza Roma, in Mario Draghi, nel Movimento Cinque Stelle o nel Cavaliere Oscuro, piuttosto che coltivare i propri dubbi ed esser guidati dall’amore verso la verità, verso la ragione, verso la scienza, verso l’ascolto di tutte quelle diverse e disparate opinioni che, da sempre, i vari fondamentalismi, siano essi religiosi, culturali, economici o politici, hanno tentato, in tutti i modi possibili, di zittire e di soffocare.

Abbiamo lasciato che le vere comunità, quelle reali, fossero sostituite dal loro surrogato virtuale, diventando così sempre più pigri e rinunciatari, tant’è vero che, per molti di noi, è quasi impensabile andare in una libreria o in un negozio musicale ed acquistare un libro o un album. Ci limitiamo a “leggiucchiare” qualcosa sui siti internet main-stream, piuttosto che assorbire per intero il contenuto di un libro oppure preferiamo ascoltare qualche brano che ci piace su YouTube, piuttosto che ascoltare un disco o un CD dalla prima all’ultima canzone. Così facendo togliamo sempre più risorse e spazio vitale ai nostri pensieri, nonché alle idee ed alle intuizioni che potremmo avere, anestetizzando, di conseguenza, anche i nostri sentimenti; se non pensiamo, come potremmo, infatti, emozionarci per ciò che abbiamo davanti agli occhi? A meno che queste emozioni non provengano e siano veicolate dagli schermi luminosi, perché i nostri occhi, ormai, sono perennemente bassi, impegnati a fissare il narcotizzante ed omologante scrolling di uno smartphone o un tablet.

È così che ci fottono, è così che ci stanno fottendo, in un modo semplicissimo, sfruttando semplicemente la nostra pigrizia, la nostra rassegnazione, la nostra ignoranza.     

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.