domenica, Novembre 27, 2022
Il Parco Paranoico

Come Around, Carla Dal Forno

Mik Brigante Sanseverino Novembre 16, 2022 Dischi Nessun commento su Come Around, Carla Dal Forno

L’elettronica morbida e suadente di Carla Dal Forno ha, in realtà, un’anima inquieta che ama muoversi in territori ambigui, territori nei quali non sempre è possibile definire delle separazioni nette tra il bene e il male, ma, il più delle volte, si avverte una componente misteriosa, affascinante ed enigmatica, fatta di ombre e di sfumature, la quale, in maniera assolutamente imprevedibile e fatale, fa sì che le nostre scelte possano pendere da un lato o da quello opposto.

Diverse prospettive che, comunque, restano scritte dentro di noi ed alimentano i lavori dell’artista australiana, che ci mette dentro le proprie esperienze personali, i propri affanni, il proprio corpo, le proprie necessità, il proprio amore e un’intimità che è fatta di desideri, di speranze, di persone, di luoghi ritrovati e, purtroppo, anche di illusioni.

E’, infatti, questo il rischio che si corre quando si decide di partecipare al gioco e non ritirarsi in un ruolo passivo; c’è un prezzo da pagare in termini di rabbia, di vuoto, di insonnia, di inadeguatezza, di ansia che, tutte assieme, rappresentano il campo d’erbacce nel quale si muove questo nuovo disco, “Come Around”, tentando, con la consueta piacevole armonia, i suoi passaggi strumentali e il suo groove intimista ed onirico, di tracciare un sentiero appagante sul quale potersi focalizzare, crescere, capire e trarre il meglio da sé, facendo sì che anche l’orrore peggiore possa avere un ruolo costruttivo nelle nostre vite, possa, cioè, essere utilizzato per aiutarci a trovare quella musa ispiratrice che permette alle nostre vite di essere migliori. Di essere meno legate ad interessi esclusivamente materiali, magari con una direzione non sempre perfettamente nota e stabilita, ma con quella preziosa libertà di movimento e di pensiero che, puntualmente, ad ogni nuova crisi economica, sanitaria o geopolitica, gli organismi che, dietro la faccia rassicurante di governi, enti, organizzazioni, società o multinazionali, mettono in dubbio, nascondendo, dietro la sicurezza e la stabilità che ci vengono offerte, il desiderio di impossessarsi del nostro futuro, delle nostre risorse mentali, del nostro tempo e delle nostre passioni.

Glielo lasceremo fare? 

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.