domenica, Novembre 27, 2022
Il Parco Paranoico

Post Piano Session (Tape 1,2,3,4), Boosta

Mik Brigante Sanseverino Novembre 25, 2022 Dischi Nessun commento su Post Piano Session (Tape 1,2,3,4), Boosta

I capitoli, alla fine di questo viaggio musicale intimo e allo stesso tempo collettivo, saranno in tutto sei. Recentemente è stato pubblicato il quarto della serie di queste “Post Piano Session”, suite strumentali nelle quali Boosta mette a disposizione di ciascuno di noi la colonna sonora ideale con cui accompagnare i propri pensieri, tentando di interpretare e di trarre insegnamento da quelle che sono le proprie esperienze quotidiane, quelle che, spesso, ci mettono alla prova.

E in questo flusso di percezioni, di sensazioni, di immagini, di fatti e di eventi, ritroveremo noi stessi, la nostra autenticità, la nostra essenza più profonda e veritiera, lontana anni luce da quegli schemi ideologici che trasformano ogni nostra emozione in un oggetto materiale; oggetti per i quali ci affanniamo e sprechiamo il nostro tempo e le nostre migliori energie, trascurando, tra l’altro, i nostri affetti più cari e le nostre passioni, affinché qualcuno, posto alla sommità della piramide economica e finanziaria che governa il globo terracqueo, possa, alla fine del ciclo produttivo e consumistico, arricchirsi sempre di più.

Queste sessioni tentano, invece, di riempire il solco scavato nelle nostre anime inquiete e lo fanno attraverso le loro divagazioni eterogenee, attraverso le armonie prodotte dal pianoforte, attraverso le loro trame elettroniche e cinematiche, attraverso un amorevole e liberatorio orizzonte la cui attitudine è, contemporaneamente, sia di matrice classica, sia intrisa di epico progressive-rock. C’è il passato, dunque, ma c’è anche il presente di un artista che, oggi, tenta di rielaborare i propri codici espressivi e di percorrere una strada completamente nuova, senza timore di rimettersi in discussione, di mostrare la propria individualità, liberandola da qualsiasi compromesso radiofonico o commerciale, e proponendo una serie di composizioni sonore che vanno metabolizzate, assaporate, percepite nella loro profondità, senza alcuna frenesia, senza che obblighi o impegni esterni influenzino le nostre vite, decretando quanto tempo possiamo dedicare a noi stessi e a tutto ciò che ci sta a cuore.

In tal senso è una sfida ad un mondo che obbliga le persone ad essere degli automi, a rispondere solo a determinati stimoli, a conquistare, attraverso una estenuante competizione, nuove posizioni nella scala sociale. Queste sessioni, invece, guardano al “dopo”, a quel senso di vuoto che ci resta dentro e ci offrono uno strumento col quale riprendere il controllo delle nostre esistenze, rendendole più disinteressate, meno arrabbiate, più corsare nel cercare ciò di cui abbiamo davvero bisogno: uno spazio eretico nel quale esprimere la nostra personale poesia, sincronizzando le nostre idee, i nostri sogni, le nostre necessità e rendendole qualcosa di comune, condiviso, aperto, contaminato, rivolto ad un futuro che, solo in questo modo, può essere migliore.     

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.