domenica, Marzo 3, 2024
Il Parco Paranoico

Tutto Male, Giancane

Mik Brigante Sanseverino Giugno 17, 2023 Dischi Nessun commento su Tutto Male, Giancane

Giancarlo Barbati, ovvero Giancane, narra quelle che sono storie musicali di ordinaria inquietudine, narra la ricerca indefinita di qualcosa – forse di uno stato di appagamento e di gioia costante – che, molto probabilmente, non può esistere ed, onestamente, non credo riuscirebbe a fare chissà quale differenza; certamente non la farebbe più di quei piccoli, micidiali traumi quotidiani, di quelle inutili lotte contro indistruttibili ed invincibili mulini a vento, di quelle stupide ed orgogliose prese di posizione o di quegli imprevedibili, ma preziosi incroci che rendono interessanti, a volte dolorose, a volte stravaganti, le nostre giornate.

Intanto “Tutto Male” arriva dopo anni complicati, abbiamo attraversato una pandemia, la politica nazionale ha mostrato tutta la sua incapacità, preferendo l’adozione di scelte che andassero a limitare la socialità e minare le libertà personali, piuttosto che affrontare e risolvere davvero questioni e problemi. E tutto ciò è avvenuto con la complicità totale dei media che non hanno fatto altro che affondare il coltello nella piaga, spingendo le persone ad essere sempre più ostili, più diffidenti, più arrabbiate, più cattive e desiderose solamente di trovare il nemico, il diverso, l’untore, il capro espiatorio.

Ed è così che la nostra omertà, quella che interrompe e che mette in una pausa perenne le nostre vite, le nostre città e persino le nostre musiche, ci ha condotto, oggi, ad avere un governo che non è certo un governo amico, un governo disponibile ad ascoltare ed includere idee, visioni, sentimenti, bisogni che non siano, perfettamente, conformi a quelli del triplice schema “Dio-Patria-Famiglia!”, lo slogan – buono per tutte le stagioni – con il quale riempire le piazze e dividere le persone.

Giancane ci fornisce tante, diverse illustrazioni sonore di questo nostro sciagurato presente, delle depressioni vere e presunte nelle quali sprofondiamo, delle nostri notti insonni, dei bar nei quali cerchiamo i nostri simili, dei sogni che ci proiettano, improvvisamente, in mondi fantasiosi e fantastici, nei quali i grovigli mentali ed emotivi che ci portiamo dietro, si sciolgono e si trasformano, magicamente, in personaggi immaginari, in improbabili super-eroi che sanno, però, essere schietti, decisi, originali, veri, coraggiosi e soprattutto più forti di tutta la merda che abbiamo attorno. Forse è solamente una finzione, solamente un fumetto, solamente una canzone, solamente una vita che sembra su un lungo, odioso Lunedì, ma magari qualcosa di quel mondo, dei suoi colori, delle sue rime, dei suoi dialoghi, delle sue battute è proprio qui, adesso, dentro Giancarlo, dentro Giancane, dentro ciascuno di noi.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.