sabato, Marzo 2, 2024
Il Parco Paranoico

When It’s Going Wrong, Marta & Tricky

Mik Brigante Sanseverino Novembre 21, 2023 Dischi Nessun commento su When It’s Going Wrong, Marta & Tricky

Tricky è sinonimo di trip-hop, ma – come ha già fatto in passato – non disdegna mai di percorrere strade sonore diverse, anche quelle, come in questo album, pubblicato con l’artista polacca Marta Złakowska, che percorrono i territori musicali propri di un pop nordico, glaciale ed estraniante, che disegna paesaggi e panorami estremi, nei quali chiunque potrebbe smarrirsi, finendo fagocitato dalle nebbie della memoria e dei ricordi passati. Nebbie dense e corpose, nelle quali, soprattutto quando veniamo assaliti e tormentati da un presente di sofferenza e solitudine, tendiamo, pericolosamente, ad incamminarci.

Solo il calore umano può darci la forza e il coraggio necessari a voltarci e tornare indietro; è un calore naturale ed umano, un calore che appartiene alla Terra e, quindi, a qualsiasi creatura vivente.

Sotto la spessa coltre di ghiaccio e di neve solidificata, infatti, oltre le trame abbaglianti ed irraggiungibili dei synth, oltre gli spazi vuoti lasciati da coloro che non sono più qui con noi, si celano quei bisogni umani che Tricky sa di poter trasformare in un richiamo salvifico, mentre Marta intona le parole che, nella loro semplicità, nella loro brevità e nella loro armonia, hanno il potere di farci sentire meno soli e di permetterci di ritrovare la direzione, la casa, il ristoro, il piacere e la passione, anche nel mondo piatto, come quello della perdita e dell’abbandono. Perché, in fondo, nulla di quello che è accaduto prima, nulla di quello che abbiamo accolto prima, nulla di quello che abbiamo provato prima, nulla di quello che abbiamo ricevuto e trasmesso prima, in realtà, è andato perso. Ovviamente, però, è necessario entrare in una dimensione sensoriale e percettiva differente, una dimensione nella quale la materia consistente è sostituita dai riverberi sonori, dalle voci di dentro, dalle melodie dalle suadenti trame vocali, dalle atmosfere intimistiche di un folk introspettivo, artico ed elettronico che, mescolando i bagliori trip-hop dell’accogliente passato e un approccio minimalista e sintetico alla musica del presente, ci permette di dare un senso ed un volto ad ogni oscurità, ritrovando, alla fine, noi stessi, ciò che siamo e soprattutto tutti coloro che credevamo di aver perduto per sempre.       

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.