venerdì, Giugno 2, 2023
Il Parco Paranoico

Pure, Selfimperfectionist

Mik Brigante Sanseverino Dicembre 20, 2022 Dischi Nessun commento su Pure, Selfimperfectionist

Cinque brani che spalancano le porte dell’oscurità e che, quando più nessun appiglio sembra in grado di salvarci dall’ennesima ondata di smarrimento, di impotenza e di delusione, grazie al suono etereo e minimale di un ricordo, di un sorriso, di un volto amico, si fanno strada nelle tenebre e ci invitano a non sprecare quest’occasione, che, per quanto possa apparirci eccessivamente fragile, dolente, maniacale o sfuggente, è, in fondo, la nostra vita.

Una vita che può diventare la fucina magica nella quale lavorare e plasmare qualsiasi cosa, anche la peggiore sofferenza, anche le esperienze più terrificanti e traumatiche, anche la peggiore solitudine o il peggiore sconforto; ogni cosa, infatti, può essere trasformata, come fa Giorgio Pilon, produttore torinese, nelle vesti di un taumaturgico Vulcano, in una narrazione capace di donare conforto a coloro che la ascoltano, la assimilano e che la fanno propria. Tutti noi affronteremo, prima o poi, i medesimi fantasmi del passato, le medesime domande alle quali è impossibile fornire una risposta rassicurante, le medesime ombre che minacciano la serenità del nostro cammino, è utile, dunque, tentare di far fronte comune, facendo leva, magari, su quelle esperienze condivise – come la musica e l’arte – che possono essere d’ausilio nel prendersi cura delle ferite e delle debolezze sia proprie, che altrui.

Selfimperfectionist è consapevole delle mancanze che rendono meno sicuri i nostri passi su questa Terra e tenta di esorcizzarle attraverso passaggi sonori ambientali, tramutando i presagi e le visioni più negative e malinconiche in una accattivante sinfonia elettronica di matrice dark e permettendoci di dare luminosità ad ogni momento delle nostre vite, anche a quelli più sofferti come possono essere l’addio, l’abbandono o l’assenza. Momenti che la commovente “Goodbye, My Dear Friend” fa ritmicamente propri, perché anche quelle che possono apparire come le sensazioni più negative, possono, alla fine, contribuire a definirci e a migliorarci, così da poter diventare sostegno per il prossimo, per il fratello, per il compagno, per tutti coloro che vengono risucchiati nel crepuscolo narcotizzante di “Dusk” e, purtroppo, si sentono soli.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.