venerdì, Maggio 24, 2024
Il Parco Paranoico

Pasolini (Correspondences), Patti Smith & Soundwalk Collective

Patti Smith chiusa in una meditazione silenziosa, dinanzi alla tomba della Madre e poi a quella del Figlio, dopo aver deposto un mazzo di fiori, a testimonianza della sua stima, della sua vicinanza, del suo impegno e del suo amore, un amore ugualmente ribelle, ugualmente incondizionato, ugualmente appassionato, ugualmente distante dal vocio e dal chiacchiericcio, dai giudizi gratuiti e dalle sciocche accuse di un mondo che non era e non è ancora in grado di comprendere.

“Mi domando che madri avete avuto”, scriveva Pier Paolo Pasolini, una domanda apparentemente semplice, che, però, risuona, con forza e coraggio tutt’intorno a noi, atto cruciale di speranza, di fede e di dedizione. Una domanda che scava nelle nostre menti iper-connesse e nei nostri cuori stanchi ed affaticati. Un filo sottile che unisce il Soundwalk Collective, le sue sonorità minimali, fluide ed elettroniche; lo spoken-word vibrante e accattivante della cantautrice americana; la ricerca sperimentale di nuovi suoni; la volontà di ricercare sé stessi nelle opere cinematografiche e letterarie del passato ed arrivare a conoscere, nell’intimità romantica e struggente della loro profonda umanità, autori come Arthur Rimbaud, Charles Baudelaire, William Blake, Edgar Allan Poe ed, appunto, Pier Paolo Pasolini. Un legame, quello con il poeta, scrittore e regista italiano che è più di una banale fonte di ispirazione, ma è vera e propria partecipazione fisica, emotiva, sensoriale ed onirica a quello che sarebbe divenuto l’immaginario musicale, sentimentale, sociale e civile di Patti Smith.

“Correspondences” è un progetto che oltrepassata i limitati confini dello spazio, della geografia e della politica, è un progetto che evolve e cattura nuove forme di vita, nuove idee, nuove filosofie, nuove narrazioni umane, senza, però, dimenticare il peso e le conseguenze delle nostre scelte e delle decisioni passate: “se fossero lì, mentre voi scrivete il vostro pezzo, conformisti e barocchi, o lo passate a redattori rotti a ogni compromesso, capirebbero chi siete?”.

Le parole di Pasolini echeggiano dentro di noi, gli occhi della Madre sono gli occhi del Tempo, rappresentano un orizzonte sconfinato e pulsante di ricordi, di sapori e di profumi, che ci rammenta quello che eravamo e quello che, purtroppo, siamo diventati, ostinandoci a seguire sempre il più ricco, il più forte, il più prepotente, il più violento ed il più armato. “Pasolini” non è, dunque, solo un nome famoso, non è solo una canzone, non sono solo le sue atmosfere elettroniche, non sono solo ballate di madri e parole, ma è, soprattutto, la capacità di ritrovare la compassione perduta e dimenticata, quella necessaria a liberarci, finalmente, dalle tossiche catene di servilismo e di dipendenza alle quali, stupidamente, ci siamo lasciati vincolare. 

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.