venerdì, Giugno 2, 2023
Il Parco Paranoico

Domomentàl, Sabbia

Mik Brigante Sanseverino Marzo 8, 2023 Dischi Nessun commento su Domomentàl, Sabbia

“Domomental” è un passaggio a prima vista insignificante, ma in realtà non sai dove ti condurrà. Non puoi sapere quali mondi ti verranno svelati non appena ti getterai in questa accattivante, ipnotica e misteriosa tana strumentale del Bianconiglio, tra sfumature di matrice progressive-rock, post-rock e psichedeliche.

Intanto nuove leggi fisiche riscrivono le regole dello spazio e del tempo, ne assumono il controllo, facendo sì che la musica possa coesistere in luoghi e in tempi differenti: essa è, contemporaneamente, eterea e materiale, intima ed aliena, evasiva e concreta; è una tregua rilassante, ma è anche l’indomita sollevazione dei nostri sensi narcotizzati ed assuefatti, alla riscoperta di percezioni celate in un passato antico, puro, primordiale e selvaggio, mentre questo intreccio di trame cosmiche e cinematiche ha un effetto assolutamente tonificante ed appagante sulle nostre menti stanche, afflitte e disturbate.

Inutile, infatti, continuare a mentire e fingere di essere felici o di sentirsi soddisfatti di questa omologante, morbosa ed arida quotidianità, dei suoi tanti impegni, dei suoi innumerevoli divieti e delle sue ossessive competizioni. A questo arrendevole, finto, misero e monolitico presente, sempre identico a sé stesso, convinto di essere sempre nel giusto, sempre perfetto, sempre bello, sempre corretto, i Sabbia contrappongono i loro suoni magmatici, irrequieti ed eterogenei, in perenne e salvifica migrazione da un immaginario all’altro, oltre qualsiasi barriera politica, filosofica o sociale, oltre qualsiasi opinabile punto fermo, con un’unica certezza e cioè quella circolare dell’eterna divisione e congiunzione delle energie, delle idee e delle emozioni custodite in ogni singola creatura vivente.

Tagliare, dividere, de-assemblare e ricostruire sono i momenti identici che si ripetono in un susseguirsi giocoso di vibrazioni, di stagioni, di sensazioni, di groove lisergici, di sintonie improvvise, di risonanze e di dissonanze che, invece, sono sempre peculiari, interessanti e diverse tra loro, in un processo umano e musicale che ci arricchisce, ci forma, ci diverte e soprattutto permette alla tensione accumulata di trovare una strada costruttiva, pacifica e benevola. Tutto ciò plasma, sia attorno, che dentro di noi, una vera e propria colonna sonora di riflessioni e di rifrazioni, di ombre e di bagliori, di eventi reali e di opportunità, di sogni e di passioni che ci rendono sempre più consapevoli, più maturi, più forti e più consci di essere parte di qualcosa che va molto al di là di quella che è la visione liberista e patronale del mondo. Ma abbiamo, però, assolutamente bisogno di un disco, una musica, un approccio, una scintilla che inneschi, finalmente, questa rivolta emozionale.  

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.