venerdì, Marzo 1, 2024
Il Parco Paranoico

Devo Challenge Cup, Yonic South

Mik Brigante Sanseverino Marzo 14, 2023 Dischi Nessun commento su Devo Challenge Cup, Yonic South

Il garage-rock degli Yonic South, con la sua frizzante genuinità, con le sue dolci e veritiere divagazioni al gusto di caramello, di biscotto e di cioccolato al latte, diventa qualcosa di assolutamente spiazzante in un contesto sociale globale che è sempre più focalizzato sulla conformità rispetto a modelli estetici e formali precostituiti e ritenuti vincenti, piuttosto che su quei contenuti che sono, sempre più spesso, considerati inutili e fastidiosi.

E mentre “All The Small Twix” chiude, con sferzante ironia, un EP che scuote gli ascoltatori con i suoi riff energici, con le sue trame punkeggianti e con le sue continue divagazioni lisergiche in una dimensione fantastica, caleidoscopica e psichedelica, il sistema politico continua a sfornare le sue verità artefatte, a confonderci con paure immotivate ed irrazionali, a spingerci verso la convinzione che solamente l’isolamento, le barriere fisiche, i divieti e le norme restrittive e liberticide potranno, alla fine, metterci al sicuro dai nemici esterni, ovvero da tutti coloro che non condividono la nostra rassicurante e claustrofobica bolla virtuale.

I sei brani di “Devo Challenge Cup”, invece, ne sgretolano le sottili pareti, trasportandoci, tutti, in un mondo acido e bizzarro nel quale non siamo più costretti ad accettare concetti esclusivamente binari: o sei uno zero o sei un uno, o sei buono o sei cattivo, o sei interessante e alla moda oppure sei parte di qualcosa che è superato e che deve essere, necessariamente, eliminato, rimosso, cancellato, dimenticato.

Gli Yonic South rifiutano queste subdole politiche dell’usa e getta e si aggrappano alle proprie chiassose ossessioni pop, trasformandole in dosi di liberatorio, irriverente e spensierato rumore che ci esortano a guardarci dentro e a guardare oltre la nostra microscopica quotidianità, per scoprire che, in fondo, non siamo poi così diversi l’uno dall’altro: potremmo scoprire, infatti, di avere le stesse necessità, i medesimi sogni, magari una irrefrenabile attrazione per le musicassette, per le macchine a gettoni, per il noise-rock americano degli anni Ottanta, per la potente chitarra di Glenn Branca e, ovviamente, per quelle dannate barrette di cioccolato.  

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.