venerdì, Marzo 1, 2024
Il Parco Paranoico

Alkaline River, Ori Barel

Mik Brigante Sanseverino Settembre 4, 2023 Dischi Nessun commento su Alkaline River, Ori Barel

Muoversi, a proprio piacimento, lungo tutto lo spettro dei diversi approcci e delle diverse sensibilità musicali e fare in modo che ogni singolo elemento, ogni accordo, ogni nota risulti essere naturale, come se tutto fosse stato, da sempre, concepito per ritrovarsi esattamente lì dov’è adesso.

L’elettronica sperimentale di Ori Barel, il fascino per i beat degli anni Novanta, la musica d’avanguardia, le divagazioni psichedeliche di matrice krautrock, la musica classica, le improvvise aperture acustiche, l’interesse per le colonne sonore danno origine ad un universo melodico nel quale caos ed equilibrio sono in eterna lotta tra loro, armonizzando e disarmonizzando ogni aspetto della stessa vita, mentre gli spazi ed i tempi sono attraversati, alterati e plasmati da queste forze antiche e primordiali.

Forze che, in questo disco, entrano anche in contatto con l’elemento artificiale, sintetico e robotico dei synth, così che, dinanzi ai nostri occhi, prendono forma giganti rosse e nane bianche, quasar e buchi neri, infinite galassie e innumerevoli pianeti, offrendo così, a ciascun ascoltatore, la possibilità di stimolare la propria fantasia e costruire, su questo background jazzistico, libero e svincolato dalle leggi della fisica e dai principi matematici, la propria bizzarra, inquietante, folle, oscura e stimolante narrazione fiabesca della realtà.

“Alkaline River” appare, allo stesso tempo, come un disco nel quale tutto è stato, preventivamente, concepito, analizzato ed infine sintetizzato, ma anche un territorio sonoro in continua espansione creativa, bramoso di ampliarsi sia verso l’interno, che verso l’esterno, alla ricerca di altri orizzonti strumentali, di altre sensibilità umane, di altre sofisticate rielaborazioni informatiche di quella che è la complessità delle nostre percezioni e persino di altre rappresentazioni – aliene, remote, minacciose – di quella che potrebbe essere la vita o la morte in altri universi.   

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.