sabato, Maggio 25, 2024
Il Parco Paranoico

Storie Di Antifascismo Senza Retorica, Max Collini @ Piazza Roma, Benevento 14/10/23

Le storie che racconta Max Collini sono, in fondo, storie di persone comuni; storie di persone che, molto probabilmente, avrebbero, semplicemente, voluto vivere la quotidianità delle proprie vite, esattamente come facciamo noi adesso, ma che, invece, sono state costrette a fare i conti, a relazionarsi ed affrontare la ferocia, la brutalità, la violenza e l’arroganza del regime fascista.

Vicende, fatti ed eventi che, spesso, appartengono al passato, ma è anche grazie a queste narrazioni lontane, a queste testimonianze umane, apparentemente secondarie rispetto alla grande Storia, che, oggi, noi possiamo vivere, in maniera agiata e pacifica, quelle vite che altri non hanno potuto vivere, accontentandosi della fame e della paura e sacrificando il proprio tempo, affinché noi, dei perfetti sconosciuti, potessimo ascoltare la musica che ci piace, potessimo leggere qualsiasi libro ci interessa, potessimo viaggiare e conoscere il mondo, potessimo votare il partito che più ci aggrada e potessimo esprimere, liberamente, quelli che sono i nostri pensieri, le nostre idee, i nostri sentimenti.

Da ciò, dunque, deriva il dovere morale di non dimenticare mai le storie narrate da Max e di ribadirle, con forza, ogni giorno, rammentando i nomi di quelle persone comuni, le loro parole, le loro scelte, il loro grande eroismo senza retorica.

E non pensate, come, spesso, vogliono farci credere che il fascismo sia finito quando è nata Repubblica, perché esso, in realtà, ha solo iniziato a strisciare, a muoversi tra le ombre, a diffondersi tra le tante, troppe eminenze grigie e i poteri oscuri che hanno caratterizzato la storia recente di questa nazione. Alcuni nomi? Bene, li fa Max Collini e li ha fatti anche ieri sera, nella bella cornice di Piazza Roma, a Benevento, nel corso della Festa dell’Unità del PD locale: il Golpe Borghese, Gladio, Piazza Fontana, la strage di Bologna, i Nar, Ordine Nuovo, Piazza della Loggia, la strategia della tensione, la P2, una galassia di movimenti e di formazioni neo-fasciste, per arrivare all’aggressione alla CGIL di Roma.

Non basta, dunque, una Repubblica, non è sufficiente avere una ottima Costituzione, ma è necessario applicarla, soprattutto in un paese che, sempre più spesso, spinto dalla faziosità dei media, tende a ragionare con la pancia e a trascurare quei diritti, quelle libertà, quei concetti di equità sociale, economica, sanitaria, lavorativa, scolastica, religiosa, sentimentale, affettiva e familiare che, invece, andrebbero sempre difesi, sempre salvaguardati, sempre tutelati, perché essi non appartengono solamente ad una parte o a chi conosce la legge, ma sono il patrimonio collettivo della nostra società e del nostro paese, il paese di Paolo Davoli, il paese di Andrea Bellini, il paese che ricorda e non dimentica, il paese che disconosce ogni forma di sensibile e violenta ambiguità, il paese di Ida e Augusta – le due tedesche di Gombio – il paese di Max Collini, il paese di noi tutti.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.