venerdì, Maggio 20, 2022
Il Parco Paranoico

Triangle, Elektro Guzzi

Mik Brigante Sanseverino Marzo 20, 2022 Dischi Nessun commento su Triangle, Elektro Guzzi

Con “Triangle” la band austriaca continua a proporre, concepire e sperimentare il proprio groove accattivante, ipnotico, acido e minimale dalla duplice anima: una evidente e tentacolare essenza techno, ma, contemporaneamente, una vibrante matrice rock basata su chitarra, basso e batteria.

Intanto gli otto brani del disco si susseguono, uno dopo l’altro, parte di un unico viaggio musicale che scandaglia le torbide, sinistre ed equivoche profondità del nostro egocentrico mondo, consentendo a riflessioni, idee, prospettive e stati emotivi, che, solitamente, preferiamo mantenere nascosti, nel grembo silenzioso del nostro IO, di giungere in superficie, trasportate dalle trame house sincopate e penetranti di quella che è una vera e propria avventura sonica.

Trance; krautrock; il tocco gelido, ripetitivo, ammaliante e perfetto delle macchine; l’estraniante forza di attrazione gravitazionale dei loop; il fascino magico e misterioso dei numeri; lo sconfinato orizzonte tecnologico celato nell’infinitamente piccolo della materia; tutto ciò si trasforma nel portale attraverso il quale entrare in una dimensione umana e collettiva, analogica e sognante, nella quale fatti, eventi e storie diventano battiti tribali, suoni cosmici, ma anche immagini e visioni oscure e distropiche che deformano il nostro futuro, condannandolo alla iterazione estenuante, arida ed eterna delle medesime scelte; scelte dettate da ideali fasulli, malati ed artificiali di bellezza, di bontà, di benessere che non hanno nulla a che vedere con i demoni primordiali che vivono dentro di noi.

Questa musica è una spinta ad ascoltare voci e sapienze antiche, a risvegliare energie spontanee, liberatorie e comunitarie che sono corpo, fatica, sudore, danza; necessità impossibili da coniugare con un’esistenza che, invece, si vuole sempre più eterea, fluida, solitaria e virtuale, ritenendo, erroneamente, che qualsiasi contatto con l’ambiente esterno e con il prossimo sia fonte di probabile contaminazione, di rinuncia alla propria illusoria agiatezza artificiale, di immediato decadimento fisico e mentale. Che ne sarà, dunque, di noi?

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta" (www.checkpointcharlie.com). Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.