sabato, Luglio 13, 2024
Il Parco Paranoico

SPIRA, Daniela Pes

Mik Brigante Sanseverino Settembre 5, 2023 Dischi Nessun commento su SPIRA, Daniela Pes

Il suono consente di instaurare e sviluppare una forma di comunicazione non verbale di tipo universale, ampliando quelle che sono le componenti emozionali e emotive del classico “verbum” e definendo, in pratica, quella che è la tipologia comunicativa più antica di cui dispongono gli esseri umani. Il “sonum” crea i propri autonomi percorsi di relazione e di socializzazione, oltrepassando le regole e le limitazioni tipiche del linguaggio verbale, il tutto in un contesto di estrema e costruttiva libertà. Ogni singola sillaba, infatti, è preziosa.

“Spira”, quindi, riduce le parole a sillabe sonore, ne amplifica a dismisura il contenuto sensibile, facendo sì che la voce diventi un vero e proprio strumento aggiunto, intrecciandosi – in maniera assolutamente accattivante, melodica e suggestiva – a queste trame sintetiche, ambient, misteriose ed elettroniche. Sette brani, animati da uno spirito folkeggiante magnetico, avanguardista, sperimentale e arcaico che oscillano, in modo fluido, tra passato e futuro. Veniamo avvolti, infatti, dal misticismo religioso di un passato scandito da riti, inni e preghiere che affondano le loro radici nei ritmi e nei cicli stagionali della Terra e, allo stesso tempo, veniamo sospinti in un mondo sofisticato, innovativo e altamente tecnologico nel quale creature artificiali reclamano il proprio diritto alla vita, al pensiero e a quell’insieme di percezioni fisiche che, da sempre, accompagnano le nostre scelte, i nostri comportamenti e le nostre relazioni sociali e affettive.

La musica di Daniela Pes assume una connotazione universale, si eleva dalla natia Sardegna, drone-music portatore non di morte, ma di un messaggio di pace, di serenità e di armonia, e si rivolge a chiunque abbia a cuore una concezione dell’arte, della musica, della vita, dei rapporti e delle relazioni sociali che elimini, una volta per tutte, le barriere, i vincoli, i muri, i divieti che, sempre più spesso, vediamo ergersi tra i popoli e le nazioni.  Questi brani, con la loro elasticità espressiva, con la loro potente componente immaginifica e fiabesca, con la loro essenza sacrale, con il loro background lisergico e psichedelico, con il loro appassionante e stimolante potere comunicativo, vanno aldilà delle gelide e bellicose norme sulle quali si basa il mondo moderno e riportano al centro dell’interesse collettivo la riscoperta delle nostre passioni, dei nostri sentimenti, della nostra storia comune.

Like this Article? Share it!

About The Author

Michele Sanseverino, poeta, scrittore ed ingegnere elettronico. Ha pubblicato la raccolta di favole del tempo andato "Ummagumma" e diverse raccolte di poesie, tra le quali le raccolte virtuali, condivise e liberamente accessibili "Per Dopo la Tempesta" e "Frammenti di Tempesta". Ideatore della webzine di approfondimento musicale "Paranoid Park" (www.paranoidpark.it) e collaboratore della webzine musicale "IndieForBunnies" (www.indieforbunnies.com).

Comments are closed.